Come ti elimino gli sprechi… sprecando

(foto di Marco Camisani Calzolari)

Questa immagine, a prima vista, è innocua. Alcune persone smistano della corrispondenza, categorizzandola.
Si tratta in realtà di un enorme controsenso. La foto ritrae parte della task force (a vederla così però sembra più una riunione di condominio) composta da dieci funzionari ministeriali creata per combattere gli sprechi grazie alle segnalazioni dei cittadini, effettuate attraverso questo modulo disponibile sul sito del governo.

Nel servizio della rivista “OGGI” da cui è tratta la foto si legge che ogni messaggio inviato viene letto (menomale), stampato (perché?), categorizzato (a che serve?) e archiviato in appositi faldoni (eeeeh???).  Un’attività che comporta un’inutile spreco del tempo di ben remunerati funzionari ministeriali, oltre alla carta e faldoni vari. E che invece si pone un obiettivo opposto.

Un qualunque client di posta elettronica consente l’archiviazione per categorie della posta e, soprattutto, consente la ricerca rapida di parole contenuti nei messaggi. Probabilmente esiste qualche circolare ministeriale di epoca sabauda che impone la stampa, la protocollazione, il timbro e la firma di qualche funzionario sulla “corrispondenza” indirizzata ai ministeri.

Il paradosso è che scrivendo di questo spreco creeremo uno spreco. Ma ne vale la pena: dai, riempiamo il modulo.

PS
La morale di questa storia è che la cultura digitale italiana, specie della classe dirigente, sta a zero.

About This Author

Post A Reply